Quello che non ci siamo detti di Marc Levy

cover

Recensione

Questo libro giaceva da un po’ nella mia libreria digitale, ogni tanto mi capitava sotto gli occhi ma non mi decidevo mai a leggerlo, anche perchè i libri di Levy non sono propriamente il mio genere. Alla fine, “chiamata”, l’ho letto e devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa dall’originalità della storia, dalla delicatezza con cui viene descritto e trattato il rapporto padre- figlia e come la perdita di un genitore possa generare qualcosa di incredibile; qualcosa che, per quanto orribile e devastante nella sua oggettiva realtà, può anche rivelarsi positivo. Perdere un genitore è sempre tremendo, ma è anche il momento in cui ci si accorge veramente di che pasta si è fatti, sia per i figli che per i genitori. E cosa fare quando si scopre che il padre, conscio della sua ormai precaria salute e dei suoi giorni contati, decide di fare un ultimo regalo alla figlia? Due giorni, 48 ore insieme, ancora, per l’ultima volta, per aiutarla a realizzare la sua vita e a prendere la giusta direzione. Toccante e commovente, ma con un finale a sorpresa.

Trama

In una New York primaverile piena di sole e di promesse, Julia Walsh si prepara a sposare il ricco e rassicurante Adam, l’uomo con il quale è placidamente fidanzata da anni. La sua unica preoccupazione è riuscire a entrare nel magnifico abito taglia 40 che Stanley, il suo migliore amico e consulente d’immagine, ha scelto per la cerimonia. Ma a pochi giorni dalla data fatidica, una telefonata dell’assistente di turno la informa che Anthony Walsh – per tutti brillante e invidiato uomo d’affari, per lei solo un padre distante e distratto – non potrà accompagnarla all’altare. Per una volta, bisogna ammetterlo, ha un’ottima scusa: è morto. Ma quando Anthony le compare inspiegabilmente davanti all’indomani del suo funerale, Julia si trova di colpo travolta da un’avventura sconcertante e meravigliosa: un viaggio nel tempo e fuori dal tempo che la costringe a incontrare davvero, per la prima volta, suo padre. A raccontargli verità fino a quel momento taciute perfino a se stessa, ad affrontare i nodi irrisolti della sua infanzia e a riscoprire la forza di un primo amore mai davvero dimenticato.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

2.628 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress