Categoria Letti per voi

Due cuori in affitto di Felicia Kingsley

20190726_161829

Recensione

Come a volte mi succede, il libro oggetto di questa mini recensione non è il mio genere, ma, si sa, mi piace variare in base all’uomre e quando mi prende lo schizzo questi sono i risultati. Ad ogni modo, dopo il già citato periodo burrascoso appena trascorso (e forse ancora non del tutto passato), avevo bisogno di una lettura leggerissima, frizzante, scanzonata, ironica, spigliata, che liberasse la mente e con questo libro ho trovato ciò che cercavo. Una commedia divertente scritta con piglio dinamico, irriverente e deciso che dimostra l’ottima fluidità narrativa dell’autrice. Ad essere del tutto onesta l’ho letta perché mi è “capitata davanti” e mi son detta: Perché no? E ho fatto bene...

Per saperne di più

Il mistero della casa sul lago di Rachel Caine

20190611_103159

Recensione

Ad essere onesta ho fatto fatica ad inquadrare questo thriller, e tutt’ora credo di non averlo ben inquadrato. E di sicuro è un bene, almeno da un certo punto di vista. E’ stata una lettura coinvolgente e poco prevedibile, permeata di paranoia, ossessione e una buona dose di adrenalina. La storia si trascina da un personaggio all’altro per buona parte del romanzo, allineando, ma senza mai incastrare completamente, i vari pezzi del puzzle e il finale lascia ben intendere che (spero) ci sarà un seguito. Gina non è più Gina. E’ una donna in fuga perenne che è dovuta diventare forte ed indipendente in fretta, e pur con tutte le sue cautele non riesce ad evitare di finire di nuovo nella rete di morte e inganni ordita ai suoi piedi. Forse un po’ troppo calcolata...

Per saperne di più

L’altra verità. Diario di una diversa di Alda Merini

20190523_112716

Recensione

Da tempo volevo leggere la Merini, ma le sue poesie, per quanto profonde e dolorosamente veritiere, non erano ciò che cercavo. Volevo conoscere lei, non la scrittrice, anche se molto probabilmente è impossibile scindere la donna dalla scrittrice. L’occasione l’ho avuta con questo breve diario. Toccante, forse ancora più profondo e avvolgente dei suoi versi, conduce il lettore nel vasto e oscuro oceano che caratterizzava la vita in manicomio, delle anime che lo popolavano e nella mente, confusa forse, dissennata e ribelle di Alda. E’ stato un viaggio breve ma intenso e a tratti difficile, da interpretare come un antico geroglifico espresso a simboli arcaici. Bello. Inespolicabile, se non con queste parole. Da leggere.

Trama

Un alternarsi di orrore e solitudi...
Per saperne di più

Più donne che uomini di Ivy Compton Burnett

20190424_090838

Recensione

Non mi è facile scrivere una recensione, per quanto mini, su questo romanzo, e non perché mi abbia colpito particolarmente o l’abbia trovato eccezionale, anzi, il contrario. Il libro è caratterizzato da uno stile ampolloso e ridondante costruito su molte chiacchere e pochi fatti, poca azione. I personaggi non fanno altro che parlare. Ho avuto l’impressione che l’autrice abbia voluto in un qualche modo “imitare” la Mrs Dalloway di Virginia Woolf, ahimé con scarsi risultati. Insomma, il romanzo mi ha annoiato e non sono proprio riuscita ad andare oltre il capitolo tredici. Ho faticato non poco a mantere la concentrazione, nonostante la tematica centrale: l’eterna lotta fra i sessi, e che poteva risultare molto più interessante...

Per saperne di più

La luna è tramontata di John Steinbeck

20190415_105818

Recensione

Non si può dire che questo libro sia un capolavoro, ma neppure si può dire il contrario. E’ di certo uno degli scritti emotivamente più sentiti di Steinbeck, che ci mostra come in guerra i veri cattivi non sono, spesso, i soldati ma chi impartisce loro gli ordini dall’alto. I soldati, anche se del nemico, sono persone comuni. Anche loro soffrono le privazioni della guerra, la lontananza dai loro cari, nutrono bisogni. Sono, nella maggior parte dei casi, uomini costretti ad ubbidire. Va da sé che lo scrittore americano non voleva giustificare nessuno, tanto meno i tedeschi della Seconda Guerra mondiale, ma inviare un messaggio, questo sì. Siamo tutti uomini soggetti al vero nemico, che non solca mai i campi di battaglia, ma demanda ad altri...

Per saperne di più

Un regalo per Miss Violet di Susan Gloss

20190316_180311

Recensione

A volte mi piace evadere dai miei schemi, soprattutto quando ho voglia, per diversi motivi, di concedermi una lettura leggera ma non superficiale. Un regalo per Miss Violet è una commedia ideale per questo scopo. Simpatica, spiegliata e accattivante nonostante alcuni momenti, vissuti dalle protagoniste, Violet, April e Amithi, non sempre piacevoli e allegri ma che hanno reso questa lettura interessante, seria ma non troppo impegnativa. La storia tende a dare grande risalto alla forza d’animo insita in ogni donna, di non lasciarsi abbattere o sopraffare dalle avversità, di riprendersi in mano la propria vita e di sperare sempre nel lieto fine. La scrittura della Gloss, poi, è dinamica e scorrevole, profonda e non banale...

Per saperne di più

Il silenzio di Laura di Paula Fox

20190328_090518

Recensione

Ed ecco qua il primo “abbandono” del 2019. Ed è un peccato, perché di solito né Fazi né gli scrittori americani come la Fox mi deludono, ma questa volta non ce l’ho proprio fatta a proseguire con la lettura, e neppure a entrare nella storia. Laura è un personaggio sgradevole, bisbetica e irritante, una “dittatrice emotiva” sempre pronta al giudizio e alla critica negativa, e pare che nessuno riesca mai a rimetterla al suo posto, anzi, ogni suo capriccio viene assecondato. Clara, sua figlia, è una non presenza, timorosa e senza sostanza. I personaggi, per diversi motivi, sono sottomessi a Laura e risultano statici, poco dinamici e poco interessanti...

Per saperne di più

April è scomparsa di Sara A. Denzil

52663153_2301835616727311_8301625373133635584_n

Recensione

Facendo riferimento al titolo, April è scomparsa, mi aspettavo qualcosa di diverso da questo thriller: di aver a che fare, appunto, con una ragazza di cui si erano perse le tracce, che fosse scappata o rapita, invece nel romanzo della Denzil non vi è nulla di tutto questo. April non scompare affatto, anzi, né metaforicamente né fisicamente. E’ stata una lettura abbastanza ansiogena, devo dire la verità, e mi è piaciuto molto il personaggio di Hannah. Forse perché in alcuni aspetti mi rivedevo in lei, a partire dal suo lavoro. La storia è narrata a due voci, Hannah da una parte, e l’ingenua e un po’ egoista Laura dall’altra...

Per saperne di più

Intransigenze di Vladimir Nabokov

20190228_130720

Recensione

La parte più interessante di questo libro riguarda di sicuro le interviste che Nabokov ha rilasciato a diversi giornali e riviste. Meno rilevanti, a mio parere, sono gli articoli e le lettere ai direttori dei giornali in cui l’autore controbatte alle opinioni (o insinuazioni) espresse da questo o quel critico, e redarguisce e “corregge alcune cattive traduzioni dal russo all’inglese e viceversa di qualche” parole sue “sprovveduto traduttore”. Gli scritti sui lepidotteri, invece, non li ho neppure letti, sinceramente non mi interessanto. Come scrivevo poc’anzi, ho apprezzato molto le interviste, che mi hanno dato modo, seppur nello stile un po’ altisonante e ridondante di Nabokov, di conoscerlo come persona oltre che come scrittore...

Per saperne di più

Casa di Bambola di Henrik Ibsen

20190213_112754

Recensione

Questo libro rappresenta letteralmente il tipico esempio del detto “sbagliando si impara”. Nel senso che la protagonista di questo dramma teatrale d’inizio ‘900, che si legge d’un fiato, godibile e fluido, a causa di un grossolano quanto grave errore legale, compiuto indubbiamente in buona fede, e alla sua vita di “bamboletta di casa” assoggettata prima al padre e poi al marito, riscopre l’importanza di essere prima di tutto una persona senziente, con dei diritti, delle convinzioni, delle idee e dei gusti propri, diversi da quelli del padre e del marito...

Per saperne di più