Categoria Letti per voi

Le amiche stupende di Georgia Clark

9788851161637_d39442c9e6011d657e43e8096217c247

Recensione

Sa un po’ di già vista questa storia tutta al femminile di Georgia Clark. Le tre protagoniste, inguaiate nei loro problemi quotidiani, vengono a conoscenza di uno strano intruglio che può renderle bellissime e affabili. Riusciranno a non cadere nella trappola luccicante fatta di corpi perfetti e visi avvenenti? L’autrice costruisce una storia di donne che devono fare i conti con la loro vita, cercando di accettarsi nei loro pregi e difetti. Come detto prima, è un tema che è già stato trattato in precedenza in molte salse, anche se questo risulta scritto in maniera scorrevole e, tutto sommato, piacevole. Consigliato se si vuole passare qualche ora in totale relax.

Sofia Celadon

Trama

Nella New York dei lavoretti precari, degli amori difficili e dei sog...

Per saperne di più

Divergent – saga completa di Veronica Roth

9788851152611_0_335_500_75

Recensione

Come sempre, quando leggo una saga redigo la recensione dell’intera serie, a meno che non mi piaccia già dal primo libro e decido di abbandonarla, come mi è capitato per Twilight e Maze Runner. Di questa saga, però, ho anche deciso di non leggere lo spin off dedicato al protagoista maschile, Tobias, in quanto un surplus che arricchisce, certo, ma non dà e non toglie nulla alla trama centrale. La serie, infatti, consta di quattro libri: Divergent, Insurgent, Allegiant e Four. Devo dire che ho litigato molto sia con Tris, per la sua eccessiva disponibilità, chiamiamola così, al limite tra il coraggio, l’ingegnosità, il masochismo e il martirio; che con Tobias, per il suo a volte esagerato egocentrismo...

Per saperne di più

La maga delle spezie di Chitra Banerjee Divakaruni

51XtVeCLRaL

Recensione

Questo piccolo romanzo racchiude in sé tutti i profumi dell’India e un’incredibile storia di magia, femminilità e spezie, tante che ci sembrerà di sentirne l’aroma pungente a ogni riga. Una protagonista forte, ma che dovrà venire a patti con tutte le sue fragilità, in un negozio misterioso circondato da un’aura mistica. L’autrice riesce a essere chiara e a non allungare troppo il brodo di una storia ben riuscita, anche se la scrittura risulta essere a tratti poco scorrevole. Consigliato in una fresca sera, accompagnata da un buon the aromatico.

Trama

C’è una vecchia signora indiana in una bottega di Oakland, in California. Alla ricerca del sapore piú squisito, o del sortilegio piú sottile, sfiora polveri, semi, foglie, bacche...

Per saperne di più

Vacanza d’inverno di Bernard McLaverty

20200131_090812

Recensione

La storia di Gerry e Stella, un’anziana coppia nordirlandese in vacanza ad Amsterdam, altro non è che il pretesto che l’autore sceglie di usare per parlare dei problemi dell’Irlanda del Nord, e non sempre in maniera solidale. Tutt’oggi in mano agli inglesi, è una regione combattuta, seppur con meno violenza, tra il forte desiderio di rivendicare la propria autonomia e la “comodità” di rimanere un suddito della corona. La storia personale di Stella, in particolare, non è facile, è dolorosa e straziante, e anche se ottiene comunque un happy ending, facendo tirare un sospiro di sollievo, negli anni del conflitto costringe la coppia a fuggire dalla loro casa, dalla violenza spesso insensata e senza motivazione per rifugiarsi in Scozia...

Per saperne di più

L’ora di Agathe di Anne Cathrine Bomann

20200120_145357

Recensione

Esplorare nuove, per me, letterature, come ad esempio quella scandinava è uno dei miei obiettivi letterari del 2020 e, conoscendomi, ho voluto cominciare con qualcosa di breve ma non superficiale e la scelta è ricaduta su questo romanzo che nella sua semplicità mi ha coinvolto molto (l’ho terminato in un paio di giorni). Il vecchio psicanalista prossimo alla pensione che comprende quanto anche lui può trasmettere di sé ai suoi pazienti e non solo viceversa, offre un nuovo punto di vista al lettore. La terapia diventa uno scambio, un reciproco guardarsi dentro e scoprirsi sotto una prospettiva diversa: quella dell’altro. Condividere, anche gli eventi più terribili. E Agathe… un personaggio semplice ma unico, forte e fragile allo stesso tempo. Bello, intenso...

Per saperne di più

Il ladro di anime di Sebastian Fitzek

20200103_135709

Recensione

La fiera dell’assurdo. Altro non saprei dire di questo thriller che mi ha lasciata perplessa e vagamente allibita. E non in senso positivo. I personaggi sono inconsistenti e poco credibili, soprattutto la dottoressa Sophia e l’espediente (improponibile e realisticamente impossibile) che usa per portare a termine il suo piano. E’ fuori da ogni logica che lei riesca a compiere le azioni descritte senza farsi scoprire dagli altri personaggi. Narrativamente non ne ha né il tempo né il modo. Per non parlare poi del medico Bruk e di tutta la questione dell’ipnosi e del coma vigile e di come viene rivelato il colpevole: con una modalità del tutto priva di motivazione e giudizio, in fretta e senza coinvolgimento...

Per saperne di più

Canto di Natale di Charles Dickens

20191202_112840

Recensione

Dovevo arrivare a 36 anni per leggere questo piccolo gioiellino di Dickens. Spesso, durante la lettura, mi figuravo i personaggi (e le immagini) del celebre cartone Disney che ogni anno, la sera della vigilia guardo insieme a mio marito, per tradizione, poco prima di aprire i regali. E’ stata un’emozione immergersi fra le sue pagine, nell’atmosfera fredda e fumosa di Londra, riscoprire con Scrooge i valori della famiglia, dello stare insieme e della bontà (non quella di comodo). E’ stata un’iniezione di positività nonostante l’atmosfera cupa e desolante che riveste l’intero racconto, un contrasto necessario alla storia e al suo significato. Ho sbagliato ad attendere così tanto...

Per saperne di più

Lettera al mio giudice di Georges Simenon

20191216_104114

Recensione

Quando l’amore diventa tormento? Quando l’ossessione per una persona, quella che si ama, diventa più urgente, pressante della ragione? Fino a che punto, per gelosia, l’uomo può spingersi? E’ tutto lecito? E’ ogni gesto, anche il più terribile, giustificato in nome di un amore esasperato, malato? Il romanzo di Simenon, tremendamente attuale, purtroppo, se letto con la chiave del femminicidio, esplora i recessi più oscuri dell’amore annientato. La psiche distrutta di un uomo fondamentalmente debole che è incapace di gestire i sentimenti. E la penna di Simenon è magistrale in questo compito. Ogni singola pagina trasuda disperazione e follia...

Per saperne di più

L’animale morente di Philip Roth

20191025_172706

Recensione

Il ventaglio delle emozioni (e delle perversioni) umane, guidate da istinto e desiderio possiedono un’ampia gamma di colori e sfumature e basta poco, una parola, un evento, grave o meno grave, una riflessione per cambiare improvvisamente tonalità, punto di vista. E niente come questo romanzo rende in maniera chiara ed esplicita tale idea. Istinto, passione, sete di giovinezza e di vita minati troppo spesso dall’imprevedibilità e dalla mancanza di coscienza. Egoismo e brama. Sinceramente non so se mi sia piaciuto questo libro. L’ho apprezzato per la sua profondità, per i sottintesi tra le righe, mi ha colpito, ma non so se in senso buono.  E’ molto particolare e la sensazione di non riuscire a dare un pieno giudizio non è del tutto piacevole...

Per saperne di più

L’anno nuovo di Juli Zeh

20191209_123856

Recensione

Questo breve libro narra la storia di un viaggio, sia fisico (una vacanza a Lanzarote e una lunga escursione in bicicletta) che psichico di un uomo, sotto certi versi, perso nei meandri melmosi di un malessere interiore, un trauma infantile che si risveglia con tutta la sua prepotenza durante la scampagnata e che fino ad allora si manifestava solo attraverso ciò che lui chiama la cosa: l’ansia. La scrittura della Zeh è molto rapida, concisa e “secca”. Non si perde in giri di parole o arzigogolii e ciò aumenta il senso a volte opprimente che trasmette al lettore. L’ho trovato un romanzo ansiogeno, soprattutto nella parte centrale, quasi angosciante...

Per saperne di più