Categoria Letti per voi

Dieci giorni in manicomio di Nellie Bly

Bly

Recensione

Una piccola, grande chicca giornalistica di metà Ottocento che si legge in un paio d’ore. Sincero, conciso, preciso e fedele ai fatti, arricchito comunque da un pizzico di ironia nei commenti dell’autrice, la giornalista statunitense fondatrice del giornalismo d’inchiesta sotto copertura. Un testo breve, veloce ma agghiacciante nella sua realtà storica che racconta quello che spesso, in quegli anni, dalla seconda metà dell’Ottocento alla prima del Novecento, purtroppo accadeva nelle strutture di igiene mentale. Le più colpite, spesso senza colpa e neppure senza una reale e accertata patologia mentale, erano le donne. Maltrattate, abusate e tenute in condizioni pietoso da infermiere crudeli e medici negligenti...

Per saperne di più

Il profumo della rosa di mezzanotte di Lucinda Riley

Riley

Recensione

Finalmente un libro che mi ha tenuta incollata alla storia, e spesso con il fiato sospeso, dalla prima all’ultima pagina. In questo romanzo c’è tutto quello che mi piace: narrazione storica, amore, passione, intreccio, inganno, ossessione e sete di potere, sentimenti e coincidenze che non sono coincidenze ma destino, ambientazioni esotiche e colorate contrapposte a quelle più essenziali, minimaliste, cupe e aristocratiche della mia amata Inghilterra. Insomma, seicento pagine e non sentirle. E’ stata la prima volta, per me, con un romanzo della Riley, che ho sempre un po’ snobbato associandola ad altre autrici simili e che proprio non mi piacciono, tipo Danielle Steel, e mi spagliavo. Ho divorato il libro...

Per saperne di più

Il signore delle mosche di William Golding

 mosche

Recensione

Distopico vintage. Ecco, mettiamola così. Per l’epoca in cui è stato scritto, 1954, è stato sicuramente una piccola rivoluzione per il genere, violenza allo stato puro e regressione della civiltà in favore di puro istinto animalesco e selvaggio. Un’atmosfera, un elemento che trova la sua massima espressione in un gruppo di ragazzini dispersi su un’isola e senza la supervisione di un adulto. Ho trovato questo romanzo particolarmente simbolico, una lunga e complessa metafora di come, non importa a che età, gli istinti più biechi possano prendere il sopravvento sulla “civilizzazione”, sulle regole, di come quest’ultima, davanti all’istinto di sopravvivenza, all’istinto del leader, del sangue, della potenza sia destinata a soccombere...

Per saperne di più

La madre perfetta di Gin Philips

madre

Recensione

Ad essere onesta sono un po’ incerta su questo romanzo. Intanto non riesco a classificarlo, se thriller o narrativa, a tratti è uno e a tratti è l’altro. E’ un romanzo molto introspettivo, da un certo punto di vista, che mostra come situazioni estreme portano le persone, in particolare le madri, a gesti estremi ed egoistici, risvegliando non solo l’istinto materno di proteggere i propri figli, che schizza alle stelle, ma anche quello della sopravvivenza, in maniera feroce e aggressiva. Tuttavia, alcuni comportamenti della protagonista non solo non li ho compresi, non ho trovato un senso in essi, ma mi sono parsi addirittura assurdi...

Per saperne di più

L’uomo di gesso di C.J. Tudor

gesso

Recensione

Anche questa volta sono partita con entusiasmo. Non troppo, il giusto, ma alla fine sono comunque rimasta un po’ dubbiosa su questo romanzo che non risponde appieno a tutte le domande. Sebbene parta un po’ in sordina, lento fino a circa poco più di metà,  alcuni dettagli,  alcune sfumature e alcuni passaggi non vengono ben chiariti e sviluppati e non capisco se sia stata una scelta voluta, quella di lasciare un po’ il lettore in sospeso in questo limbo di incertezze, o se sia dipeso da altro. Non so voi, ma a me piace avere tutte le risposte quando arrivo alla fine di un thriller, avere ben chiara la situazione, cosa che invece qui, a parer mio, è mancato...

Per saperne di più

La sabbia non ricorda di Giorgio Scerbanenco

41OqrjPO+8L

Recensione

Un giallo all’italiana, scritto in modo semplice e chiaro. Insieme ai personaggi ci ritroveremo a ragionare sull’omicidio di un uomo, il cui corpo é stato ritrovato su una spiaggia, senza nessun indizio per capire chi possa averlo ucciso. L’autore ci condurrà in questa indagine in modo impeccabile, lineare in cui però non mancano di certo i colpi di scena. Tutto sommato un libro nella media

Sofia Celadon

Trama

Siamo in estate, sulle spiagge dell’Adriatico. Un uomo giace sulla sabbia con la gola squarciata. Comincia così l’incalzante “giallo italiano” di Scerbanenco. Ma chi ha ucciso il povero Giannuzzo, un ometto dall’apparenza innocua che in realtà terrorizzava tanta gente? Anche gli innocenti mentono, o tacciono...

Per saperne di più

Mi chiamo Lucy Barton di Elizabeth Strout

BARTON

Recensione

Devo dire che mi aspettavo certamente di più da questo romanzo. Sono partita a leggerlo con delle aspettative troppo alte, e forse è colpa mia, non lo so, che non sono state pienamente rispettate. L’ho trovato sotto tono per il tipo di argomento trattato e la trama, mi aspettavo molto più risentimento, rabbia o disagio da parte di questa figlia che si trova dopo anni ad incontrare una madre assente e un po’ egoista che oltre agli agi di una vita “normale” non ha saputo neppure elargire stabilità emotiva ai figli, sicurezza o amore. Probabilmente le due cose sono legate, povertà e mancanza di affetto genitoriale, ma mi è parso comunque che la figlia, Lucy, abbia accettato e accetti con troppa benevolenza le mancanze dei suoi genitori, in particolare di sua madre...

Per saperne di più

Lasciami l’ultimo valzer di Zelda Fitzgerald

29357173_2070625983181610_6326319623931166720_n

Recensione

Ho aspettato parecchi giorni prima di cimentarmi nella stesura della breve recensione di questo libro. In primis perché non volevo scadere nei soliti cliché personali sostenuti solo dal fatto che amo Fitzgerald e l’epoca storica in cui lui è vissuto e ha scritto, ma anche perché questo libro è stato una sorpresa, in tutti i sensi. Non sapevo, intanto, della sua esistenza. Pur avendo letto molto di Scott e sua moglie mi era sfuggito il fatto che anche quest’ultima avesse scritto un libro (imperdonabile) e quando finalmente l’ho avuto tra le mani… be’, è stato come tornare ad essere una bambina di cinque anni che finalmente, la Notte di Natale, trova sotto l’albero il regalo tanto agognato. E una sorpresa è stato anche leggere questo libro...

Per saperne di più

Fuoco e cicuta di Diana Wynne Jones

download

Recensione

Dall’autrice della saga de “Il castello errante di Howl”, ecco un’altro romanzo pieno di avventura e mistero. Insieme alla protagonista rivivremo i suoi ricordi di bambina, in cui si divertiva a creare storie fantasiose di supereroi, anche se alcuni avvenimenti non riesce a ricordarli bene e noi, insieme a lei, dovremo sbrogliare la matassa per capire il perché di questi vuoti di memoria. Pieno di colpi di scena, questo libro vi terrà incollati alle pagine per capire come andrà a finire questa strana avventura.

Sofia Celadon

Trama

Compiuti diciannove anni Polly Whittaker si rende conto che gran parte dei suoi ricordi sono confusi, come se due memorie differenti fossero sovrapposte una all’altra...

Per saperne di più

L’urlo di Robert Graves

urlo

Recensione

Ho iniziato e terminato questo breve romanzo gotico in appena un’ora e mezza e devo dire che per quanto, almeno stando a ciò che è scritto nella postfazione, sia considerato un classico inglese di inizio Novecento, non mi ha trasmesso nulla. In esso sono presenti richiami alla spiritualità e al soprannaturale, al misticismo e all’esoterismo. Tre quarti della storia narrata presenta un’ambientazione onirica che, forse voluto, forse no, strizza l’occhio all’opera del collega tedesco Arthur Schinitzler, Doppio sogno, mentre il restante quarto è in un manicomio di cui non si sa nulla, né dei pazienti né di come è fatto, zero descrizione. Non so, forse sono io ma non ci ho trovato nulla di speciale.

Trama

Nel racconto di un alienato a un altro se stesso, la lo...

Per saperne di più