Mia cugina Rachele di Daphne Du Maurier

20221005_181712

Recensione

Una suspence tesa e finissima, sottile come un filo di nilon, costruita sapientemente pagina dopo pagina, il dubbio subdolo che si insinua sottopelle come un parassita e che striscia fino a raggiungere i centri nevralgici che separano la menzogna dalla verità, l’ossessione dall’infatuazione. Aggiungeteci la Cornovaglia, con i suoi paesaggi cupi, interminabili campagne avvolte dalla nebbia e dalla pioggia e avete questo splendido, meraviglioso romanzo della Maurier. Un romanzo che non potete più posare finché non arrivate alla fine. Larga parte della storia è occupata dalla cecità del protagonista maschile, una cecità che non è di certo fisica, ma mentale ed emotiva, esagerata e passionale, che salta da un estremo all’altro, uno stillicidio continuo di ansia crescente, insicurezza, timore e tormento. Sentimenti talmente densi da far perdere di vista, al protagonista naturalmente, la realtà, il discernimento. Rachele, invece, è un personaggio che definire fantastico è poco. Le sue intenzioni volutamente nebulose, la sua ambiguità è la vera forza dell’intera narrazione, ideata così bene che neppure il finale riesce a chiarire in maniera inequivocabile il suo ruolo, la sua autentica natura. Misteriosa, ingannevole e affascinante. Eh cara Daphne, ora sì che mi tocca recuperare davvero altri tuoi libri!

 

 

 

Trama

Cornovaglia, metà Ottocento. Rimasto orfano a diciotto mesi, dopo la morte improvvisa dei genitori, Philip Ashley viene cresciuto dal cugino Ambrose, uno scapolo impenitente e misogino. Per anni il loro ménage familiare scorre sereno e tranquillo, e vano risulta qualsiasi tentativo da parte di amici e conoscenti di spingere Ambrose verso le gioie domestiche del matrimonio. Grande è, perciò, lo stupore di Philip nel ricevere una lettera da Firenze, dove da qualche anno Ambrose si reca a svernare per motivi di salute, in cui il cugino gli comunica di aver sposato una lontana parente, la cugina Rachele, vedova di un nobile italiano che è stato ucciso in un duello, lasciandola con un mucchio di debiti e una grande villa vuota. Quando le lettere di Ambrose dall’Italia assumono i toni sempre più confusi e drammatici di un uomo spaventato, lo sconcerto di Philip si trasforma in un’apprensione tale da spingerlo a raggiungere al più presto la città toscana. A Firenze, però, lo aspetta un’amara realtà: Ambrose è deceduto in seguito a un male che lo ha consumato in breve tempo, e Rachele è partita subito dopo il funerale, chiudendo la villa e portando via con sé tutti gli effetti personali del defunto. Rientrato in Cornovaglia, Philip si macera nell’odio nei confronti della donna, che si figura come una creatura grottesca e mostruosa. Ogni certezza, però, vacilla quando Rachele giunge all’improvviso in Cornovaglia per restituire a Philip gli averi di Ambrose. Il giovane si ritrova dinanzi a una donna molto diversa da quella che ha agitato le sue veglie e i suoi sogni per mesi. Una donna bella e affascinante che non ha nulla dell’assassina a caccia di denaro. Ma il bell’aspetto della cugina Rachele corrisponde davvero alla sua natura?

 

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.769 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress