La figlia femmina di Anna Giurickovic Dato

20220722_150355

Recensione

In molti hanno paragonato la protagonista di questo romanzo a una “nuova Lolita”. Io invece ho incontrato un personaggio complesso e confuso, una ragazzina “figlia” di abusi domestici che vive in maniera distorta la sua sessualità in sboccio e il rapporto con gli uomini. Li tratta come se ora fosse lei a usarli, non più il contrario. Un profondo disagio psicologico, in un’età già difficile, che si traduce in comportamenti devianti e borderline. Di Lolita non ci vedo proprio nulla, è solo un atteggiamento di difesa, attaccare prima di essere attaccata. Con una scrittura lucida, forte ed evocativa, l’autrice ci restituisce personaggi vividi e tormentati, una famiglia ai limiti, un conflitto tra madre e figlia nato sul rancore, sull’accusa silente che la figlia rivolge alla madre per non essersi accorta di ciò che succedeva, e il rimorso e il vago e sottile filo rabbia nei confronti di un’adolescente sfuggita al controllo materno e forse, fra le righe, ritenuta colpevole. Due donne, una adulta e l’altra in divenire, entrambe fragili e distrutte che cercano, a modo loro, di superare il trauma e le sue conseguenze. Una storia terribile raccontata con la delicatezza di una piuma che ondeggia nell’aria prima di toccare terra e l’incisività di un ferro incandescente sulla pelle. La scrittura della Dato si confà in toto al mio stile, adoro il suo modo di narrare e descrivere, coinvolgente e avvolgente, accompagna il lettore in un abisso emotivo caratterizzato da sentimenti forti e contrastanti che costruiscono un’abile dicotomia, aspra e cinica, tra madre e figlia. Un libro breve ma davvero colmo di sensibilità.

 

 

 

Trama

Sensuale come una versione moderna di Lolita, ambiguo come un romanzo di Moravia, La figlia femmina è il duro e sorprendente esordio di Anna Giurickovic Dato.
Ambientato tra Rabat e Roma, il libro racconta una perturbante storia familiare, in cui il rapporto tra Giorgio e sua figlia Maria nasconde un segreto inconfessabile. A narrare tutto in prima persona è però la moglie e madre Silvia, innamorata di Giorgio e incapace di riconoscere la malattia di cui l’uomo soffre. Mentre osserviamo Maria non prendere sonno la notte, rinunciare alla scuola e alle amicizie, rivoltarsi continuamente contro la madre, crescere dentro un’atmosfera di dolore e sospetto, scopriamo man mano la sottile trama psicologica della vicenda e comprendiamo la colpevole incapacità degli adulti di difendere le fragilità e le debolezze dei propri figli. Quando, dopo la morte misteriosa di Giorgio, madre e figlia si trasferiscono a Roma, Silvia si innamora di un altro uomo, Antonio. Il pranzo organizzato dalla donna per far conoscere il nuovo compagno a sua figlia risveglierà antichi drammi. Maria è davvero innocente, è veramente la vittima del rapporto con suo padre? Allora perché prova a sedurre per tutto il pomeriggio Antonio sotto gli occhi annichiliti della madre? E la stessa Silvia era davvero ignara di quello che Giorgio imponeva a sua figlia?
La figlia femmina mette in discussione ogni nostra certezza: le vittime sono al contempo carnefici, gli innocenti sono pure colpevoli. È un romanzo forte, che tiene il lettore incollato alla pagina, proprio in virtù di quell’abilità psicologica che ci rivela un’autrice tanto giovane quanto perfettamente consapevole del suo talento letterario.

 

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.741 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress