La cacciatrice di Kate Quinn

20210924_123805

Recensione

Rispetto a titolo e sinossi, la trama risulta un po’ “scentrata”, fuori tema. Più che della vita e delle imprese della pericolosa e temuta cacciatrice nazista, infatti, la narrazione è incentrata su chi con lei ha un conto in sospeso: un’ex aviatrice russa, una strega della notte, come venivano chiamate le donne alla guida dei bombardieri sovietici dai tedeschi, e un ex giornalista che dedica la sua vita a rintracciare e a consegnare alla giustizia i criminali nazisti fuggiti dopo la caduta del Reich. La caccia, più che la cacciatrice, è il vero tema del romanzo. Il personaggio che dovrebbe essere il protagonista, la cacciatrice, risulta un po’ floscio, smorto, deboluccio e si lascia rubare la scena da altri personaggi, il giornalista e l’aviatrice, appunto, ben più carismatici e interessanti. Non traspare, da lei, tutta la cattiveria e la crudeltà che dovrebbe  al contrario contraddistinguerla, non è neanche ben chiaro per quale motivo abbia questo soprannome, questa fama. E’ un criminale nazista come tanti, nulla vi è, nella trama, che faccia capire perché ha qualcosa di diverso dagli altri, come pare dalla sinossi. Manca quel quid in più che il libro invece pretende di avere. Bellissimo personaggio, che ho amato tantissimo fin dalla prima riga che la riguarda, è  Nina, l’avietrice sovietica: indipendente, determinata, combattiva, temeraria, dotata di una forza d’animo tale da indurla a non temere nulla e nessuno, ma che nasconde dentro di sé un cuore grande e irrimediabilmente ferito, solitudine e tormento. E’ Nina, secondo me, la vera protagonista, tutto ciò che avrebbe dovuto essere die jagerin, la cacciatrice. In generale il libro mi è piaciuto, è coinvolgente e a tratti adrenalinico, commoveente e ironico.

 

 

 

Trama

La chiamano die Jägerin, «la Cacciatrice», la più spietata assassina del Reich. Nessuno conosce il suo vero nome e chiunque l’abbia incontrata non è sopravvissuto per raccontarlo. Tranne Nina. Soldato speciale dell’esercito sovietico, Nina è riuscita a sfuggirle, ma non ha mai dimenticato ciò che ha perso quella notte. Da allora, non ha fatto altro che scappare. Ora però le cose sono cambiate. Ora che la guerra è finita, la Cacciatrice è diventata preda e, ben presto, Nina avrà la sua vendetta… Non è stato facile per Jordan accettare che suo padre si risposasse, per di più con una vedova di guerra, sbarcata negli Stati Uniti dalla Germania senza denaro né documenti. Eppure, adesso che il gran giorno è arrivato, è felice che quella donna premurosa e sensibile sia entrata nella loro vita. Ma, mentre ammira il bouquet, Jordan si accorge di un dettaglio stonato, nascosto tra i fiori: una Croce di Ferro, una delle più alte onorificenze conferite dal regime nazista.

 

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

4.569 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress