Autobiografia di mio padre di Pierre Pachet

a65302544ee79e96bbb0781bfc2a73d7_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy
Autore: Pierre Pachet
Genere: Narrativa
Prezzo: € 18,00
Prezzo ebook: € –
Data pubblicazione: Marzo 2019
160 pagine circa
Editore: L’Orma editore

Trama

Si può raccontare la vita di un altro come se fosse la propria?
È la sfida, paradossale e ambiziosa, che Pierre Pachet ha scelto di raccogliere nel ricostruire la voce di suo padre, Simkha Opatchevsky, per farne il narratore in prima persona di questo strabiliante romanzo che ci consegna, dal di dentro, la figura a tutto tondo di un esule ebreo del Novecento.
Dai pogrom di Kishinev ai rastrellamenti nella Parigi dell’Occupazione, questo inaudito io narrante attraversa la Storia d’Europa, emigrando dall’agonizzante Impero russo per approdare a una Francia sconvolta da due guerre mondiali, il tutto anelando a poco più che all’incolumità sua e dei suoi, e alla dignità del proprio mestiere di medico. Simkha, del resto, non ha la stoffa del protagonista, e il tono tragico non gli si addice. Eppure qualcosa di eroico ce l’ha, nella ritrosia che gli vieta gli abbandoni sentimentali, nel rigore intellettuale che ne fa un osservatore esattissimo, acuto conoscitore della psicologia umana e fustigatore degli psicologismi, costretto in tarda età a testimoniare con precisione da miniaturista il lento sgretolarsi delle proprie facoltà mentali.
Inseguendo quel «linguaggio senza parole che un cervello adopera per servirsi di se stesso», Autobiografia di mio padre indaga i moti e i moventi della memoria per delineare il ritratto di un uomo che ha dato al tempo della vita la forma di una profonda riflessione sul significato dell’esistenza umana.
Pierre Pachet ha spinto al limite le possibilità del genere autobiografico, sparigliandone le carte.

Pierre Pachet

Pierre Pachet (Parigi, 1937-2016) è stato scrittore, professore universitario, critico letterario, traduttore e giornalista. Intellettuale appartato, ma influente e infaticabile, nei suoi numerosi saggi ha spaziato dalla politica in Baudelaire alla Cina contemporanea passando per una storia letteraria del sonno. Nei romanzi si è confrontato a più riprese con le tematiche dell’autobiografia e dell’identità ebraica. Nel 2011 è stato insignito del prestigioso Prix Roger-Caillois. Autobiografia di mio padre è il suo primo libro tradotto in italiano.

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

2.622 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress