Casa di Bambola di Henrik Ibsen

20190213_112754

Recensione

Questo libro rappresenta letteralmente il tipico esempio del detto “sbagliando si impara”. Nel senso che la protagonista di questo dramma teatrale d’inizio ‘900, che si legge d’un fiato, godibile e fluido, a causa di un grossolano quanto grave errore legale, compiuto indubbiamente in buona fede, e alla sua vita di “bamboletta di casa” assoggettata prima al padre e poi al marito, riscopre l’importanza di essere prima di tutto una persona senziente, con dei diritti, delle convinzioni, delle idee e dei gusti propri, diversi da quelli del padre e del marito. Prima, o contemporaneamente all’essere donna, Nora prende coscienza di essere un’anima, una persona che ha il diritto/dovere di badare a se stessa, di conoscere il mondo e le regoleche lo determinano, in prima persona, non di riflesso. Non c’è niente che “non è adatto a lei perché donna”. Ho ammirato e amato molto questo aspetto del dramma di Ibsen, di come lui sia riuscito a mettere in scena gli eventi e la personalità finato gentile, ma profondamente egoista e arrogante del marito contrapposta alla fragile ma forte e determinata Nora e alla disperazione dell’impiegato di banca di Krostand e alla dipendenza da un uomo della signora Linde, l’amica di Nora. Condanno, però, la decisione finale di Nora. Una mamma non smette mai di essere tale. E Nora, nel pensare solo a sé è stata egoista tanto quanto il marito, condannando la figlia a dover vivere la stessa vita da “bambola” che lei ha vissuto fino a quel momento.

 

 

 

Trama

Per curare il marito, Nora in passato si è indebitata con un certo Krogstad. Per anni ha lavorato per pagare il debito, senza riuscire a liberarsene. Krogstad, che lavora nella banca di cui il marito di Nora è direttore, ricatta la donna perché gli ottenga una promozione. Quando il marito, che per altri motivi lo vorrebbe licenziare, viene a sapere tutto, si preoccupa solo della sua reputazione e rimprovera aspramente la moglie. La meschinità dell’uomo porta Nora a decidere di allontanarsi, per riflettere da sola su se stessa.

 

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

2.628 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress