Recensione: Strade di notte di Gajto Gazdanov

18920143_1342386285815141_2732702489837355366_n
È un quadro che va dipingendosi pagina dopo pagina e ogni pennellata, ogni colore, dal più cangiante e ironico al più triste e malinconico, corrisponde ad un personaggio.
Una varietà talmente ampia di individui e storie che solo chi, come il protagonista di Strade di notte ( Fazi Editore, pp. 238) del russo Gajto Gazdanov, svolge un lavoro come quello del tassista può incontrare e conoscere.
È un romanzo che attinge a piene mani dalla vita stessa dell’autore, anch’esso un conducente di taxi residente a Parigi dopo l’esilio a seguito della guerra civile sovietica, e che, come molte altre opere di Gazdanov, non venne mai pubblicato in Russia; ma è anche un’analisi della società, delle persone che popolano il mondo, di giorno come di notte, e delle loro molteplici sfumature, del loro modo di vedere e intendere la vita, delle loro soddisfazioni e delle loro disgrazie.
Sembra di sedersi sui gradini di un palazzo della Parigi degli anni Quaranta e Cinquanta e osservare, immaginare, raccontare e descrivere.
Strade di notte è un viaggio da una “vita all’altra” e non a caso di notte, perché è proprio nelle ore buie della giornata che l’autentica natura umana prende il sopravvento e si mostra esattamente così com’è.
Di certo, il Gazdanov di questo scritto è molto diverso da quello di Ritrovarsi a Parigi (Fazi Editore, pp. 200). Lo stile è sempre lo stesso, fluido, scorrevole e assolutamente moderno, ma è il modo di raccontare che cambia: più lento e riflessivo, a tratti la lettura fatica a rimanere concentrata e ad ingranare; i personaggi sono tanti, le esperienze di vita che si mescolano e si sovrappongono sono un turbinio di informazioni e narrazioni; racconti diversi di notti diverse, di persone diverse che s’intrecciano e si amalgamano in un unico impegnativo romanzo.
Una caratteristiche, però, che non deve spaventare perché Gazdanov merita di essere assaporato e conosciuto, di essere amato e letto.
Ho iniziato ad apprezzarlo con Ritrovarsi a Parigi e ora Strade di notte non ha fatto altro, seppur con qualche momento di pesantezza, che confermare il mio parere positivo su questo scrittore.
Leggetelo. Per favore, leggetelo.Cinzia Ceriani
Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

2.695 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress