Ti amo ma non posso di Cecile Bertod

ti-amo-ma-non-posso_8402_x1000

Recensione

Frizzante, simpatica, irriverente. Era dai tempi di I love shopping che non mi divertivo così. Ti amo ma non posso è una spassosa commedia romantica che si legge anzichè guardarla sullo schermo di un cinema o di un televisore. Compresa la colonna sonora, visto che in alcune delle parti salienti della storia vengono inseriti stralci di famose canzoni pop sull’amore accompagnate da commento radiofonico. Si tratta di uno strano mix tra Bridget Jones e Cenerentola. Sam, la protagonista, è una ragazza come tante. Intelligente e insicura, testarda e pasticciona che, a volte, non sa guardare al di là del suo naso, ma di certo un genere di ragazza in cui molte donne, almeno sotto certi aspetti, soprattutto quelli legati all’aspetto fisico e relative paranoie (inesistenti o ingigantite) si possono riconoscere. Ha bisogno di un’occasione importante per “trovarsi” e di qualcuno che la sproni. Ho apprezzato molto il messaggio, subito non del tutto chiaro ma divenuto eloquente, per fortuna, qualche capitolo dopo, secondo cui bisogna apprezzarsi per ciò che si è e valorizzarsi, fisicamente e intelletualmente, emotivamente e psicologicamente, non per gli uomini o per gli altri, ma solo ed esclusivamente per se stesse. Poi, una volta acquisita la fiducia nel proprio essere donna, gli uomini e gli altri verranno da sè. Un po’ meno felice, da un mio personalissimo punto di vista, anche se ovvia, ma io ho sperato fino all’ultmio che cambiasse idea, la scelta amorosa di Sam. E’ vero, al cuore non si comanda, ma neppure all’amor proprio e alla propria autostima, visto che il lui in questione si è degnato di notarla soltanto quando lei ha iniziato a mettersi in tiro e a far sfoggio della sua femminilità latente, portando Sam a decidere di lasciare da parte l’altrettanto sexy uomo che l’ha notata e apprezzata, amandola, anche quando non era al massimo delle sue potenzialità.  Una donna, in tuta o in teillour, è sempre la stesse.

 

 

Trama

Sam lavora da quattro anni al «Chronicle» e, dal primo momento in cui l’ha incontrato, è segretamente innamorata di Dave, il vicedirettore del giornale. Nonostante faccia qualsiasi cosa per essere notata, non sembra avere speranze: è timida, insicura e un po’ troppo in carne, mentre Dave ama il lusso, le modelle e ai sentimenti preferisce i flirt di una sera. Quando lo vede in TV accanto a una donna bellissima, Sam si rende conto che non può continuare a sprecare il proprio tempo dietro a un sogno irrealizzabile. Basta con Dave! Durante la settimana della moda di San Francisco, che vede Dave e Sam presenti per lavoro, il bel giornalista scopre però una ragazza che non sospettava esistesse: Sam è molto di più della schiva e silenziosa redattrice sempre infagottata nella sua felpa di pile. Ma anche per lei quei giorni saranno decisivi. Forse ha più d’un motivo per credere in se stessa. E forse c’è qualcuno che, molto prima di Dave, se n’era già accorto…

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

3.168 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress